In bici all’Expo? Si o no?

In bici all’Expo? Si o no?

Dall’inizio di EXPO 2015, Milano e la Lombardia sono diventate il centro del mondo. In effetti, l’Esposizione Mondiale sta attirando l’attenzione di tanti, come giusto che sia.

L’evento, come sappiamo, è molto controverso e le opinioni sono diverse, anche all’interno di FIAB. Tuttavia, comunque la si pensi, è sicuramente di grande interesse ed è un’opportunità per avere almeno un’idea di luoghi e costumi molto lontani da noi.
E siccome il tema è la sostenibilità, cosa meglio della bicicletta per raggiungere EXPO, per visitare luoghi della Lombardia o semplicemente per gite collegate al tema dell’alimentazione.

Molte delle nostre associazioni quindi hanno deciso di cogliere questa occasione per raggiungere Milano e Expo per una vacanza in bicicletta o anche solo una giornata diversa.

Comunque la si pensi su Expo c’è una situazione di grande vivacità che chi vive a Milano e in Lombardia non può non percepire. C’è molto fermento su tanti versanti, uno di questi è il cicloturismo e una delle nuove attività nate in questo periodo è Expo by bike, solo per citare un esempio che vede coinvolta una delle nostre associazioni. Poter visitare i luoghi di Expo e i dintorni in bicicletta è un’opportunità interessante per scoprire che c’è un mondo anche oltre e fuori Expo.

E fuori c’è Milano che offre ai suoi visitatori una città nuova sotto molti aspetti: la guida “Milano in bici” di viagginbici.com dà un utile strumento per (ri)scoprirla attraverso la bicicletta.

La guida è scaricabile gratuitamente.

Un esempio concreto.

FIAB è l'artecfice della modifica alla legge 28.12.2015 n.221 sull'Infortunio in Itinere, che garantisce la copertura assicurativa in caso di incidenti in bici nel tragitto casa-lavoro. Per vincere altre battaglie occorre essere sempre di più, e la tua partecipazione è importante: diventa socio/a FIAB.

Articoli correlati