Per ricordare Gigi Riccardi: “El cambiament”

Il 16 giugno del 2008 se ne andava Gigi Riccardi, Presidente della FIAB per molti anni (1996-2006).

Luigi Riccardi è stato il Presidente che voleva il cambiamento. E che è riuscito a cambiare FIAB, trasformandola da un semplice coordinamento di associazioni sparse per la penisola ad una grande realtà associativa nazionale.

 

Per ricordarlo Eugenio Galli, suo successore nella guida dell’associazione milanese FIAB-Ciclobby, ci ha suggerito di farvi conoscere quanto scritto da Mara Chierichetti. 

Dice Eugenio: “Parla di un momento che ho vissuto e condiviso con Gigi, e  mi piace l’inizio e la fine. Il cambiamento. Tocca a te. Quasi un invito a rendersi responsabili, attraverso la partecipazione. Che mi sembra un bel modo per ricordare il messaggio di Gigi.

 

E’ una breve prosa seguita da una poesia, scritta in milanese e completa di traduzione. Fa parte del libro di Mara Chierichetti dal titolo “Per chi sòna i campanei”, presentato lo scorso 22 maggio a FIAB Milano Ciclobby.

 

 

EL  CAMBIAMENT

Si, regòrdi quella vòlta, te se staa brao a fa in prèssa on  cambiament.

L’era la prima volta che gh’era l’Assemblea Nazional della FIAB  a Lòd.

La Provincia, cont i sò assessor e president, appèna trasferida in centro, in certi locai bèi e antigh, l’aveva daa la soa disponibilità per fà l’assemblea lì in de lor.

L’era on  sabet, de mattina,  on bordeleri… gent che riva da tutt i part de l’Italia:

gent che vegneva da la Toscana, da la Sicilia da la Puglia anca da Napoli,Vares, Milan dal Veneto,Torin, Verona, Mestre e  poeu  anmò…

El quart d’ora (accadèmic) l’era già passaa, se doveva pròppi comincià.

Ma tra tutta quella gent  mancava  lù,el president!   On moment  de agitazion  poeu on invid, quasi on comand : “… vaa   incontra!… ti te  pòdet”.

Su la strada, quand je incontri, hinn de corsa hinn in ritard, careghi lor e i sò bici.

Pòcch minut e dent l’otomòbil quèll che prima l’era on ciclista, el s’è trasformaa  in

president con camisa e  cravatta…“Guarda on poo, inscì  va ben ?… on botton l’è minga a post, …ecco a pòst,  te pòdet andà!” Torna in  ment ch’el  tal proverbi “ el vestii el fà minga el fraa, ma le vestiss”.  Tutt ben miss, tutt lì a pòst; faccia scura, bèlla bronzada con la  tèsta tutta bianca, te see lì te parlet, scoltet, penset  poeu  te  propònet come fà  per podè  aumentaa el numer de quei che vann in bici e intratanta fà calà: trafich, smog e quarantòtt. La toa faccia soridenta, la toa grinta, i tò  consili:  avègh coragg,  mai fermàss, mai settàss-giò;… m’hann  inzigaa i tò paròll…e on amis, anlù  el tò nòmm,  a  scriv  giò ‘sti pòcch vers che inscì hoo  titolaa: Tocca a tì.

 

 IL  CAMBIAMENTO

Si, ricordo quella volta, sei stato bravo a fare in fretta un cambiamento. Era la prima volta che c’era l’Assemblea Nazionale della FIAB a Lodi. La Provincia, con i suoi assessori e il presidente, appena trasferita in centro, in certi locali belli e antichi, aveva dato la sua disponibilità per fare l’assemblea lì da loro. Era un sabato, di mattino, una grande confusione… gente che arrivava da tutte le parti d’Italia: persone che arrivavano dalla Toscana, dalla Sicilia  dalla Puglia anche da Napoli, Varese, Milano dal Veneto, Torino, Verona, Mestre e poi ancora… Il quarto d’ora (accademico) era già passato, si doveva proprio incominciare.   Ma tra tutta quella gente mancava lui, il presidente!

Un momento di agitazione poi un invito, quasi un comando: “…vai loro incontro!… tu che puoi ”.

Sulla strada, quando li incontro, sono di corsa sono in ritardo, carico loro e le bici.

Pochi minuti e dentro l’automobile, quello che prima era un ciclista si trasforma in presidente

con camicia e cravatta…”Guarda un po’, così va bene?… un bottone non è a posto,… ecco è

 a posto, puoi andare!”

Torna alla mente quel proverbio “l’abito non fa il monaco, ma lo veste ”.

Tutto ben sistemato, tutto a posto: faccia scura, bella abbronzata con la testa tutta bianca,

tu sei lì che parli, ascolti, pensi e poi proponi come fare per poter aumentare il numero

di quelli che vanno in bicicletta e nel frattempo far diminuire: traffico, smog e confusione.

La tua faccia sorridente, la tua grinta, i tuoi consigli: aver coraggio, mai fermarsi, mai sedersi

…mi hanno stuzzicato le tue parole e un amico, anche lui con il tuo nome, a scrivere questi

pochi versi che così ho intitolato: Tocca a te.

 

 

TOCCA  A  TÌ

Come acqua

bèlla frèsca, buscenta

la toa vos la me riva

in sù i al de dò roeud,

lee la va…

lee la vègn

a sveglià,

desgarbià,

fà galìtt in la ment.

I dò roeud  

el manubri, la sella  

e la soa cadèna…

 

La te pias on poo tròpp ?

E che ròba la da ?        

Ma ‘s’te cerchet de fà ?

Equilibri ghe voeur,

pedalà per andà

e voeuja on poo de giugà.

Se l’è nò pròppi a pòst,

mèttegh i mann

mètteghi  adòss…

Sù! Sistemela ben

che la pòda girà

in sù i strad  de campagna e  città

 

ma, tocca a  tì  

… pedalà!

                                                                               

Tocca a te

Come acqua/ bella fresca, frizzante/ la tua voce mi arriva/ sulle ali di due ruote,/ lei va…/ lei viene/

a svegliare,/ sgarbugliare,/ far solletico nella mente./ Le due ruote/ il manubrio, la sella/ e la sua catena…/ 

Ti piace un po’ troppo?/ E che cosa ti dà?/ Ma cosa cerchi di fare?/ Equilibrio ci vuole,/ pedalare per andare/ e voglia un po’ di giocare./ Se non è proprio a posto, mettici le mani/ mettigliele addosso…/  Su! Sistemala bene/ che possa girare/ sulle strade di campagna e città/

ma, tocca a te/ …pedalare! 

 

 

 

Altri ricordi di Riccardi nel sito FIAB:

Ciao Gigi (vecchio sito)

Gigi Riccardi e la rivoluzione della Bicicletta