Pronti i primi 10 Km di ciclovia dell’acquedotto in Valle d’Itria

L’assessore alle infrastrutture e mobilità della Regione Puglia, Gianni Giannini dichiara: “Sono stati ultimati i lavori per la realizzazione dei primi 10 Km di ciclovia dell’acquedotto lungo la strada di servizio del canale principale dell’acquedotto pugliese, tra Figazzano in agro di Cisternino e l’incrocio con la ex statale Ceglie-Martina Franca in agro di Ceglie Messapica, a seguito di un protocollo d’intesa tra Regione e AQP del 2008”.

 

Tale primo intervento fa parte del primo stralcio del progetto di ciclovia, di 15 Km complessivi, tra Locorotondo e parco Pineta Ulmo (Ceglie Messapica) e rappresenta il primo tratto pugliese del percorso ciclabile nazionale n. 11 “Ciclovia degli Appennini” della rete Bicitalia.

 

A monte dell’intervento – prosegue l’assessore Giannini – era stato realizzato, con finanziamenti regionali, uno studio di fattibilità dell’intera ciclovia dell’acquedotto di 250 Km, da Venosa a Grottaglie con una bretella da Gioia del Colle a Bari. Lo studio era stato effettuato a seguito del progetto di cooperazione internazionale CYRONMED (Cycle Route Network of the Mediterranean), finanziato con fondi Interreg Archimed, con cui la Regione Puglia, capofila dell’intero partenariato internazionale, aveva individuato per la parte pugliese le principali dorsali della rete ciclabile regionale. Queste dorsali, coincidenti con i percorsi della rete nazionale Bicitalia e della rete europea EuroVelo che attraversano la Puglia, furono riprese interamente all’interno del Piano regionale dei Trasporti e del Piano Paesaggistico regionale, e più recentemente dalla legge regionale n. 1/2013 sulla mobilità ciclistica”.

 

L’intenzione della Regione è stata di realizzare una pista ciclabile che possa consentire a persone di tutte le età e a bici di tutti i tipi di pedalare, senza traffico, all’interno del tipico paesaggio della Valle d’Itria caratterizzato da trulli e siti di rilevanza architettonica e storica, campi coltivati e uliveti, macchie boscate e muretti a secco. Per questo motivo il fondo è in misto granulare stabilizzato.

 

 

La ciclovia, realizzata in pietrisco pressato è larga tra i 2,5 e i 3 metri e passa su cinque ponti canali, tra cui quelli di Figazzano e Galante. I ponti canali sono opere di particolare significato idraulico, in quanto permettono di superare avallamenti anche molto profondi e garantire una pendenza adeguata al sistema, ma anche di importante valore architettonico, consentendo una visione suggestiva e panoramica della valle d’Itria.

 

Il tragitto presenta una alternanza di saliscendi con tratti pianeggianti. Il punto di partenza presenta quota circa 334 m.s.l.m. , mentre il punto di arrivo a Pineta Ulmo circa 325 m.s.l.m.

 

I lavori hanno pure previsto, inoltre, la realizzazione di accessi ciclabili, il rifacimento di muretti a secco, la posa i opera di parapetti lungo i terrapieni e il rinforzo delle balaustre lungo i ponti canali per migliorare le condizioni di sicurezza.

 

I comuni interessati dalla ciclovia sono, Locorotondo, Cisternino, Ostuni e Ceglie Messapica, nelle province di Brindisi e Bari. Mentre nel tratto intermedio si attraversa l’area naturalistica SIC Murgia di Sud – Est nei pressi di località Montedoro.

 

L’intervento è stato finanziato interamente con fondi regionali.