Albergabici diventa riferimento nazionale nella rete europea delle strutture bike friendly

Albergabici diventa riferimento nazionale nella rete europea delle strutture bike friendly

Albergabici, la rete nazionale di strutture bike friendly lanciata da FIAB per sostenere il cicloturismo, è stata riconosciuta come leader in Europa nella nascente “Cyclists are welcome!”, un’iniziativa internazionale per creare standard omogenei nell’accoglienza alberghiera. Il 12 marzo, a Budapest, si è svolto un incontro di tutte le principali organizzazioni del settore per confrontare i rispettivi schemi e mettere le basi di una lunga collaborazione. Per FIAB ha partecipato, in videoconferenza, il segretario organizzativo Michele Mutterle, tra gli ideatori di Albergabici nel 2003 insieme all’allora Presidente FIAB, Gigi Riccardi e Stefano Gerosa.

«Adam Bodor, ex direttore di Eurovelo, è stato il moderatore della due giorni e ha riconosciuto il ruolo della Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta nella nascita di “Cyclists are welcome!” – ha detto Mutterle – a Velocity 2017 FIAB per prima ha proposto la collaborazione europea tra tutti i vari schemi nazionali al servizio dell’ospitalità cicloturistica». Come si legge nel documento finale che riassume l’incontro di Budapest, “l’Europa è la destinazione turistica numero uno al mondo ed è anche il leader di mercato nel turismo ciclistico a livello globale».

Tra le realtà che hanno sottoscritto il documento per una collaborazione europea sul tema, Albergabici si afferma così come punto di riferimento nazionale per tutte le altre organizzazioni italiane che lavorano per mettere in rete le strutture bike friendly dello Stivale. I punti chiave della futura rete “Cyclists are welcome!” riprendono gli stessi aspetti che hanno visto crescere l’offerta e l’apprezzamento di Albergabici: luoghi sicuri dove parcheggiare la bici, possibilità di asciugare vestiti e attrezzature, informazioni facili e gratuite su ciclabili e tragitti, ciclofficine per la manutenzione ordinaria. Albergabici rappresenta uno degli asset fondamentali della Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta con quasi 600 strutture aderenti e un sito che accompagna il cicloturista nella pianificazione del suo viaggio. Da maggio saranno aperte le candidature per entrare nel catalogo 2021 (intanto qui potete sfogliare l’edizione 2020).

Alla base di “Cyclists are welcome!” c’è anche l’idea di un progetto che diventi ambasciatore della mobilità ciclistica in Europa, nelle città e nei territori dove la bicicletta può portare crescita e sviluppo. Al momento solo le realtà fondatrici della rete fanno parte dell’accordo che in futuro potrà accogliere solo schemi nazionali di altri paesi, rendendo FIAB e Albergabici come l’unico interlocutore riconosciuto nazionale nei confronti dei cicloturisti di tutta Europa che ricercano le strutture ricettive bike friendly italiane.

Insieme ad Albergabici hanno aderito all’accordo i rappresentanti di Bett&Bike (ADFC Germania), Cyclists Welcome (Nadace Partnerstvi – Repubblica Ceca), Cycling Friendly (Spagna), Fietser Welkom (Fietsplatform Olanda), Dansk Cykleturisme (Danimarca), Danube Competence Center (Serbia), Fahrradfreundliche Betriebe (Austria), Accueil Velo (Francia) e CTC – Cyclists Welcome (Gran Bretagna). Da non dimenticare infine il ruolo di ECF, la federazione europea di cui FIAB esprime il vicepresidente, che supervisionerà i lavori.

Socio/a FIAB? Assicurato.

I soci FIAB hanno la copertura RC Bici, la responsabilità civile per ogni danno che si causa circolando in bicicletta in qualsiasi paese europeo. É uno dei tanti buoni motivi per diventare socio/a FIAB.

Articoli correlati