Bonus bici: si parte da settembre. Niente app? Ipotesi bonifico su conto corrente

Bonus bici: si parte da settembre. Niente app? Ipotesi bonifico su conto corrente

Da indiscrezioni (il sito del Ministero dell’Ambiente, dedicato al bonus mobilità, è fermo all’11 giugno scorso) sembra che l’erogazione del bonus biciclette non avverrà più con una apposita app, ma attraverso la compilazione di un modulo che, probabilmente, sarà disponibile online a partire dalla prima settimana di settembre. Il rimborso – che coprirà il 60% della spesa effettuata fino a un massimo di 500 euro – dovrebbe avvenire attraverso un bonifico sul conto corrente entro quindici giorni dalla domanda, sull’IBAN che dovrà essere riportato sul modulo; dovranno essere anche indicati i dati riportati sulla fattura o scontrino parlante che provino l’acquisto di una bicicletta (a pedalata muscolare o assistita) o monopattini, hoverboard, segway, o ancora servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante autovetture avvenuto dal 4 maggio di quest’anno in poi.

Non è chiaro se la stessa modalità sarà valida per chi volesse, invece, acquistare uno dei mezzi, o servizi, per i quali è previsto il bonus, successivamente all’uscita della modulistica, dato che dovrebbe essere rilasciato una sorta di “buono” spendibile presso negozi convenzionati. Di certo c’è che l’attivazione del beneficio si fa attendere, mentre molto meno tempo è servito per far partire gli incentivi per l’acquisto di auto potenzialmente meno inquinanti.

Maggiori informazioni su requisiti per ottenere il bonus sono reperibili sul sito del Ministero dell’Ambiente.

Un esempio concreto.

FIAB è l'artecfice della modifica alla legge 28.12.2015 n.221 sull'Infortunio in Itinere, che garantisce la copertura assicurativa in caso di incidenti in bici nel tragitto casa-lavoro. Per vincere altre battaglie occorre essere sempre di più, e la tua partecipazione è importante: diventa socio/a FIAB.

Articoli correlati