#CodiceDiSicurezza. Due anni fa al Senato le proposte FIAB per il Codice della Strada.

#CodiceDiSicurezza. Due anni fa al Senato le proposte FIAB per il Codice della Strada.


Condividi!

Tutto fermo al Senato. Sono passati due anni da quando FIAB, in audizione in Commissione Lavori Pubblici, spiegava le sue proposte. Riassunte in una frase: “priorità per l’utenza non motorizzata”.

I contributi di FIAB al Disegno di Legge, di cui la Federazione condivide spirito e impostazione, mettevano in evidenza l’importanza di affrontare i temi della sicurezza stradale per l’utenza vulnerabile e, in particolare, per quella non motorizzata e per gli ambiti urbani, con un’attenzione, non certo secondaria, alle esigenze di sviluppo di una mobilità sostenibile.

Tra i capisaldi imprescindibili in una riforma del codice della strada, una serie d’interventi volti proprio ad aumentare l’uso della bici in totale sicurezza, come l’introduzione di Zone 30 – che devono divenire uno standard già in fase di progettazione delle aree urbane – il doppio senso ciclabile, e molte altre proposte che potete trovare nel documento Osservazioni e contributi all’esame del Disegno di Legge n. 1638 (delega riforma codice della strada) da parte di FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) o visualizzare nelle Slides dell’audizione.

Il Comunicato Stampa del 2015 e altri allegati li trovate qui: FIAB al Senato per la riforma del codice della strada. Priorità per l’utenza non motorizzata.

Queste ed altre proposte per la sicurezza e la mobilità sostenibile rischiano di andare perdute. Infatti il Disegno di legge delega è fermo al Senato da due anni e mezzo: sollecitiamo con forza il Parlamento ed il Governo a completare urgentemente e senza ulteriore ritardo l’iter legislativo della riforma!!

Per questo FIAB ha promosso la CAMPAGNA #CodiceDiSicurezza.
Aderisci ed aiutaci a diffonderla.