Formare i tecnici comunali sulle materie bike friendly. Firmato protocollo d’intesa tra FIAB e UNITEL

Formare i tecnici comunali sulle materie bike friendly. Firmato protocollo d’intesa tra FIAB e UNITEL

By


Condividi!

È stato siglato il protocollo di intesa tra UNITEL, la storica associazione che ha l’obiettivo di valorizzare la posizione professionale e giuridica dei tecnici degli Enti Locali, e FIAB. Tra gli obiettivi del documento sottoscritto c’è la diffusione delle tematiche della mobilità sostenibile, e in particolare della mobilità ciclistica, del mobility management, dell’utilizzo dello spazio pubblico come bene comune. Inoltre sono previste azioni congiunte di stimolo degli enti ed organismi preposti per l’attuazione di misure e lo sviluppo della mobilità sostenibile.

Altro importante aspetto dell’intesa tra le due realtà è la promozione della conoscenza e della diffusione delle normative che regolano la mobilità ciclistica e la gestione della mobilità in generale tramite l’attuazione di azioni atte a diffondere la cultura della mobilità sostenibile come ricchezza della società. Il tutto con il coinvolgimento attivo di persone, associazioni, enti, forze produttive e istituzioni nazionali ed internazionali.

Promotore del protocollo è stato l’architetto Raffaele Di Marcello, socio FIAB ed UNITEL e componente del Centro Studi della Federazione che, anche in virtù dell’accordo, ha già pubblicato sul sito web dell’UNITEL diversi articoli sul mobility management.

«Si tratta di un accordo importante – ha dichiarato Di Marcello – che mette in contatto il mondo degli Enti Locali, in prima linea nella pianificazione, progettazione ed attuazione di interventi per la mobilità sostenibile, e FIAB, permettendo l’interscambio di saperi ed esperienze necessario per trasformare le nostre città, anche alla luce delle imminenti linee di finanziamento europee e nazionali».

Grazie all’accordo, FIAB ed UNITEL organizzeranno, nei prossimi mesi, campagne informative e momenti formativi per gli uffici tecnici di Comuni e Province, sulle nuove norme relative alla mobilità ciclistica, al mobility management e alla valorizzazione dello spazio pubblico in generale.