Regione Toscana: legge sulla mobilità ciclistica

Regione Toscana: legge sulla mobilità ciclistica

Anche la Toscana entra nel novero delle regioni italiane che hanno approvato misure legislative a favore della bicicletta, con interessanti aspetti di finanziamento, proporzionale alle risorse destinate alle infrastrutture trasportistiche. Soddisfazione di Dalla Venezia, Presidente FIAB.

La nuova legge, attesa da anni dalla FIAB, promuove in concreto l’utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto alternativo a quelli motorizzati e come mezzo di prevenzione sanitaria e di socialità

Tra gli obiettivi strategici, si individuano il potenziamento e la messa in sicurezza delle piste ciclabili in città e la loro messa in connessione con il sistema della mobilità per creare percorsi extraurbani protetti e dedicati alle due ruote.

Gli interventi per la mobilità ciclistica possono comprendere la realizzazione di sottopassi e sovrappassi ciclabili e ciclopedonali, dotazioni infrastrutturali utili alla sicurezza del traffico ciclistico e motorizzato, la costruzione e dotazione di parcheggi attrezzati, liberi o custoditi, e di centri di noleggio riservati alle biciclette, la messa in opera di segnaletica, verticale e orizzontale, specializzata per il traffico ciclistico.

Un esempio concreto.

FIAB è l'artecfice della modifica alla legge 28.12.2015 n.221 sull'Infortunio in Itinere, che garantisce la copertura assicurativa in caso di incidenti in bici nel tragitto casa-lavoro. Per vincere altre battaglie occorre essere sempre di più, e la tua partecipazione è importante: diventa socio/a FIAB.

Articoli correlati