Non bloccarli. I bambini hanno bisogno di percorsi sicuri per camminare e andare in bicicletta

Non bloccarli. I bambini hanno bisogno di percorsi sicuri per camminare e andare in bicicletta

Articolo originale Don’t buckle them up. Kids need safe routes to walk & bike school

Smettere di dare la priorità alla macchina per affrontare l’obesità infantile, è la sollecitazione a governanti e  pianificatori. Lo afferma un recente articolo sul British Journal of Sports Medicine.

I governi del Regno Unito devono smettere di dare la priorità alla macchina se sono seriamente intenzionati a contrastare l’obesità infantile, insistono i medici e gli esperti dei trasporti.
Il predominio del “punto di vista del parabrezza”, secondo il quale governi e pianificatori vedono il mondo letteralmente dalle auto, ha permesso ai viaggi in auto di diventare la “scelta di default”, sostengono gli autori.

Di conseguenza, gli investimenti nella costruzione di strade superano di gran lunga quelli per il trasporto attivo – trasporti pubblici, sentieri e piste ciclabili – “con la conseguenza che il contesto viene avvertito spesso  troppo rischioso per camminare o andare in bicicletta. Per una frazione del costo del programma di costruzione stradale, potremmo vedere non solo percorsi sicuri per le scuole, ma, ancora più importante, un gran numero percorsi sicuri attraverso le aree urbane”, sostengono gli autori.

“La storia deve cambiare; abbiamo bisogno di investimenti in spazi sicuri e divertenti per camminare e andare in bicicletta a scuola. E opzioni di trasporto pubblico comodi e convenienti“, ha affermato il dott. Paul Kelly, uno degli autori della call to action pubblicata sul British Journal of Sports Medicine il 10 aprile 2018.

Spendere il 10% sul trasporto attivo
“Vorremmo vedere almeno il 10% del budget di trasporto dei governi speso per il trasporto attivo in tutti i paesi per contribuire allo sviluppo di infrastrutture di alta qualità per camminare e andare in bicicletta”, afferma il prof. Chris Oliver, autore principale dell’editoriale. “Tutti i bambini hanno bisogno di percorsi sicuri per andare a scuola”, dice Oliver, che è un chirurgo ortopedico recentemente in pensione e professore onorario in Attività fisica per la salute all’Università di Edimburgo.

“Riceviamo sempre più richieste per una maggiore riduzione del traffico”, ha affermato il dott. Randy Rzewnicki, responsabile delle politiche ECF. “L’OMS non ha esitato ad affermare che le riduzioni del trasporto motorizzato privato sono una caratteristica essenziale per rendere le città più sane. L’ultimo piano di trasporto norvegese afferma che non ci può essere alcun aumento del traffico automobilistico “.

I genitori sono troppo preoccupati per il volume del traffico per permettere ai propri figli di camminare o andare in bicicletta a scuola
I bambini nel Regno Unito non sono abbastanza attivi, ha affermato Paul Kelly, ricercatore e docente all’Università di Edimburgo. “Oltre a questo, i numeri di chi cammina o usa la bicicletta per andare a scuola è in calo da 50 anni. Pertanto, i bambini non usufruiscono di benefici per la salute fisica, mentale e sociale. Questo significa impostare abitudini e comportamenti dannosi per l’età adulta. Ciò può essere in gran parte spiegato da troppa concentrazione e investimenti su automobili e strade “.

La durata media di un viaggio scolastico dagli anni ’80 è quasi raddoppiata fino a poco meno di 4 miglia nel 2013. Ma l’età in cui i genitori permettono ai propri figli di andare a scuola da soli è cresciuta costantemente tra i timori sulla sicurezza stradale.

Quindi accompagnano i loro bambini a scuola. Ma ciò che spesso non viene percepito è a quanto inquinamento i bambini che viaggiano in auto sono esposti all’interno del veicolo in condizioni di guida urbana, sottolineano gli autori.

Incoraggiare il viaggio indipendente non solo aiuta a contrastare l’obesità infantile, ma ha anche effetti positivi sulla salute sociale e mentale dei bambini, e interrompe il ciclo di normalizzazione del viaggio in auto per le generazioni future.

Gli autori dell’articolo ammettono che non esiste un’unica soluzione, ma sono necessari percorsi sicuri per andare a scuola. Il Regno Unito potrebbe adottare le iniziative di spostamento casa-scuola lanciate dalla Germania, dai Paesi Bassi e dalla Danimarca, suggeriscono.

E potrebbe raccogliere più denaro nel programma Sustainable Travel Towns, già implementato in alcune parti del Regno Unito. Questo programma di misure a livello cittadino, che mira a frenare l’uso dell’automobile, ha contribuito a rilanciare la crescita economica, a ridurre le emissioni di carbonio e a promuovere la qualità della vita nelle aree in cui è stato adottato, sottolinea l’articolo.

In una lettera che accompagna la pubblicazione, inviata a tutti e quattro i ministri dei trasporti del Regno Unito: Chris Grayling (Inghilterra); Humza Yousaf (Scozia); Ken Skates (Galles); e Karan Bradley (Irlanda del Nord): gli autori puntano a significativi risparmi per il Servizio Sanitario Nazionale, a riduzioni dei livelli di inquinamento e all’integrazione di comportamenti di viaggio sostenibili tra le generazioni future, se si desse priorità ai viaggi attivi.

“La retorica di migliorare l’ambiente a favore dei viaggi attivi dei bambini è stata visibile per almeno due decenni, ma i cambiamenti tangibili sono stati in gran parte assenti dalla pianificazione dei trasporti”, evidenzia l’articolo.

“Suggeriamo che sia giunto il momento di correggere lo squilibrio e restituire ai bambini di oggi molte delle libertà che gli anziani ricordano e beneficiavano in termini di livelli di mobilità indipendente”, concludono gli autori.

Un esempio concreto.

FIAB è l'artecfice della modifica alla legge 28.12.2015 n.221 sull'Infortunio in Itinere, che garantisce la copertura assicurativa in caso di incidenti in bici nel tragitto casa-lavoro. Per vincere altre battaglie occorre essere sempre di più, e la tua partecipazione è importante: diventa socio/a FIAB.

Articoli correlati