European Cyclists’ Federation: FIAB confermata nel board, Francesco Baroncini succede ad Alessandro Tursi. Henk Swarttouw il nuovo presidente

European Cyclists’ Federation: FIAB confermata nel board, Francesco Baroncini succede ad Alessandro Tursi. Henk Swarttouw il nuovo presidente

L’European Cyclists’ Federation ha rinnovato metà del proprio board (otto membri complessivi) e tra i quattro nuovi eletti l’Italia e FIAB mantengono un proprio rappresentante: Francesco Baroncini (primo in foto, da sinistra), già Direttore di FIAB, è stato eletto come board member. La ECF è la più grande ONG al mondo che si occupa di tematiche legate alla mobilità attiva e ciclistica e la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta ne è parte integrante.

«Oltre alla soddisfazione personale, c’è tanta soddisfazione anche per FIAB che ha visto riconosciuto da tutta Europa il lavoro svolto negli anni – ha commentato Baroncini – Chi lavora bene e con passione ottiene sempre ottimi risultati. Il mio obiettivo principale per questo mandato è lavorare per fare crescere ancora di più le associazioni che operano in favore di chi usa la bici per spostarsi quotidianamente o per fare le proprie vacanze. FIAB è stata di esempio e caso studio in ECF: io vorrei aiutare la maggior parte delle associazioni europee che fanno parte di ECF a diventare, o rimanere nel caso delle più grandi, ciò che FIAB è in Italia. Ovvero il punto di riferimento nazionale per chi usa la bici come mezzo di spostamento».

Con il rinnovo di metà del board è stato scelto anche il nuovo presidente dell’European Cyclists’ Federation. A guidare la federazione dopo il triennio di Christophe Najdovski, vicesindaco di Parigi, sarà Henk Swarttouw, olandese e con una lunga carriera nel settore diplomatico. Giunta a scadenza naturale anche l’esperienza di Vicepresidente ECF per Alessandro Tursi, Presidente FIAB, che ha commentato così questo importante passaggio in cui l’Italia resta protagonista nel mondo bike friendly europeo:

«Come squadra internazionale del board ECF in questo triennio abbiamo portato a termine un mandato davvero impegnativo e sono molto soddisfatto – ha dichiarato Tursi – In questi anni abbiamo realizzato una profonda ristrutturazione in ECF e, dopo lo scoppio della pandemia, abbiamo svolto un intenso lavoro di advocacy. Sono fiero di aver ben rappresentato FIAB e il nostro paese nella più importante ONG bike friendly al mondo. Faccio i migliori auguri ai nuovi membri del board e in particolare a Francesco Baroncini».

Socio/a FIAB? Assicurato.

I soci FIAB hanno la copertura RC Bici, la responsabilità civile per ogni danno che si causa circolando in bicicletta in qualsiasi paese europeo. É uno dei tanti buoni motivi per diventare socio/a FIAB.

Articoli correlati