Ferrovie dismesse: in Italia oltre mille km su 5mila sono ciclabili

Ferrovie dismesse: in Italia oltre mille km su 5mila sono ciclabili

Le Ferrovie Dismesse sono un patrimonio di oltre 5mila km in Italia e, anche grazie al lavoro di advocacy FIAB sul territorio, i chilometri riconvertiti a ciclovie sono aumentati da 640 a oltre mille. Il loro recupero è un tema da sempre caro alla Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta che, nel 2010, aveva realizzato una prima indagine dal titolo Dalle rotaie alle bici . A 10 anni di distanza una nuova ricerca di FIAB, coordinata da Antonio Dalla Venezia (coordinatore regionale FIAB Veneto e presidente del comitato tecnico scientifico di Bicitalia.org), ha restituito una fotografia aggiornata da cui emerge un complessivo salto in avanti, con un +60% di chilometri di ferrovie dismesse oggi recuperati e trasformati in ciclabili. «Si tratta di un dato positivo – ha commenta Dalla Venezia – che conferma un interesse sempre maggiore da parte dei nostri amministratori verso una tematica che, fino a dieci anni fa, era sostanzialmente ignorata, a parte qualche eccezione».

Recuperare le Ferrovie Dismesse significa, di fatto, tenere viva la memoria e la storia di una infrastruttura pre-esistente, dando nuova dignità a un lavoro realizzato magari oltre settant’anni fa. I progetti di  riqualificazione includono sempre il recupero di vere e proprie opere d’arte, come gallerie, ponti, viadotti, caselli e stazioni, che sono un importante patrimonio culturale e architettonico del nostro Paese. Inoltre, indipendentemente dalla nuova destinazione d’uso, riqualificare un tratto di ferrovia consente di evitare il consumo di suolo pubblico vergine: si tratta dunque di interventi nel rispetto dell’ambiente e con un impatto minimo sul territorio.

Ferrovie dismesse: le regioni più virtuose

Le regioni più virtuose, ovvero che hanno in assoluto più sedimi ferroviari recuperati e convertiti in percorsi ciclabili, sono il Veneto con 165,5 km (tra cui la tratta Treviso-Colzé di 54 km lungo la ciclovia Treviso-Ostiglia e la tratta di 42 km Calalzo-Cimabanche lungo la Calalzo-Cortina-Dobbiaco), seguito dalla Emilia Romagna con 132,2 km  e dalla Lombardia con 121,3. . «In Basilicata – ha aggiunto Dalla Venezia – sono ampiamente avviati i lavori di recupero di due ferrovie dismesse, mentre in Umbria sono stati stanziati fondi per il completamento della Spoleto-Norcia (7 km in progettazione avanzata tra Casale Volpetti e Serravalle di Norcia) e sono stati avviati i lavori per il recupero di 50 km tra Monte Corona e Fossati Vico nell’Eugubino. È tuttavia un peccato che regioni come Piemonte, Marche, Lazio, Campania, Puglia e Calabria, nelle quali esiste un importante patrimonio di ferrovie dismesse da riconvertire, non abbiamo fino ad ora mostrato un attivo interesse per questa tematica».

«Bici e treno sono i mezzi sostenibili per eccellenza, l’una sulle brevi distanze l’altro sulle medie e lunghe. Entrambi hanno una lunga storia alle spalle, ma anche un futuro tutto da sviluppare, come confermato dal Green Deal europeo di Ursula von der Leyen, che punta sui treni veloci al posto degli aerei nelle tratte continentali», ha dichiara Alessandro Tursi, Presidente FIAB e Vicepresidente di ECF-European Cyclists’ Federation.

Andiamo in bici.

FIAB organizza escursioni, gite e viaggi in bicicletta tramite il portale Andiamoinbici.it: un'occasione per pedalare in compagnia e fare nuove amicizie. Per partecipare occorre solo diventare socio/a FIAB, ma ci sono tante altre buone ragioni per diventarlo.

Articoli correlati