Vogliamo aria pulita

Vogliamo aria pulita

FIAB invia al ministro Gian Luca Galletti la lettera aperta di 76 associazioni europee che si occupano di sanità, ambiente, società civile, coltivazioni biologiche e benessere degli animali a proposito dell’apertura dei negoziati sulla Direttiva Europea in materia di limiti nazionali alle emissioni di determinati inquinanti atmosferici.

Egregio Ministro Gian Luca Galletti,

Questa settimana inizierà la negoziazione a tre sulle modifiche alla Direttiva Europea in materia di limiti nazionali alle emissioni di determinati inquinanti atmosferici (Direttiva NEC). La direttiva NEC è l’unica opportunità di impostare una politica comune europea per l’aria pulita e salvare, letteralmente, migliaia di vite ogni anno di cittadini europei.

Nei Paesi UE, infatti, l’aria inquinata è tuttora un “killer invisibile” che ha causato 403.000 morti premature nel solo 2012. La scarsa qualità dell’aria contribuisce anche all’incremento di malattie croniche degli apparati cardiocircolatorio e respiratorio, quali asma, allergie, broncopneumopatia cronica ostruttiva (COPD, nella sigla inglese), cancro al polmone, ritardi nella crescita dei neonati e dei bambini. Incide molto su altre malattie croniche come diabete, malattie del fegato, obesità e leucemia infantile e sul benessere psicofisico.

La spesa per la sanità pubblica direttamente connessa all’inquinamento dell’aria è stimata fra i 330 e i 940 miliardi di Euro annualmente, equivalenti al 3-9% del PIL dei paesi EU. La qualità dell’aria impatta anche sull’ambiente in generale, sulla biodiversità, le coltivazioni e la vegetazione in genere. La perdita di raccolto dovuta all’inquinamento è stata stimata in 3 miliardi di Euro l’anno (anno 2010).

La Commissione Europea ha avanzato proposte che potrebbero aiutare a contrastare la gravità e la pervasività dell’inquinamento dell’aria, considerata un’emergenza di salute pubblica. Accogliamo con favore la proposta migliorativa proveniente dal Parlamento Europeo, in particolare il richiamo ad agire in fretta. Siamo seriamente preoccupati che il Consiglio Europeo voglia indebolire l’impianto della direttiva, causando 16.000 morti premature in più l’annoi Siamo altresì allarmati dal gran numero di deroghe e dalla flessibilità introdotta dal Consiglio Europeo, che rischia di rendere inefficace l’intera Direttiva, minandone l’intento di ridurre l’inquinamento dell’aria e di prevenire le morti premature.

Noi, insieme alle sottoscritte associazioni ed organizzazioni che si occupano di sanità pubblica, ambiente, società civile, Le chiediamo di appoggiare le seguenti 5 priorità durante i prossimi negoziati:

  1. Introdurre l’impegno a ridurre le emissioni fino al 52% degli impatti sulla salute rispetto al 2005 come proposto dalla Commissione Europea e dal Parlamento Europeo – in particolare nessun indebolimento degli impegni di riduzione delle emissioni di ammoniaca e PM2.5
  2. Introdurre obiettivi vincolati per il 2025 come richiesto dal Parlamento Europeo. Un’azione rapida per contrastare l’inquinamento dell’aria deve essere una priorità; attendere il 2030 prolungherà il periodo in cui si muore prematuramente.
  3. Rigettare la flessibilità non necessaria come gli adattamenti degli inventari delle emissioni, dei fattori di emissione e le medie calcolate su tre anni, che non sono giustificati e diluirebbero il livello di ambizione della Direttiva.
  4. Mantenere l’obbligo di riduzione delle emissioni da gas metano nella direttiva come modo di abbattere il livello dell’ozono al suolo. Noi invitiamo altresì la Commissione ad affrontare le emissioni nocive di mercurio in sede di revisione della Direttiva.
  5. Sostenere le disposizioni che consentano l’accesso pubblico alle informazioni, al fine di consentire la partecipazione dei cittadini alla formulazione dei programmi nazionali di contrasto all’inquinamento e consentire loro di agire in giudizio qualora il Governo non rispettasse la Direttiva.

Respirare aria pulita è uno dei bisogni umani fondamentali. Ogni cittadino europeo ha il diritto di crescere, vivere e lavorare in un ambiente che promuove la sua salute, anzichè attentarvi.

Avere una buona qualità dell’aria richiede un’azione forte e impegni a livello di UE. E’ questo il tempo dell’azione. Ogni ritardo comporterà ancora inutili morti precoci, aumenterà l’impatto sulla salute pubblica e continuerà ad incidere sui costi sostenuti per la sanità pubblica.

Grazie fin da adesso per il suo supporto.

ON BEHALF OF: European Environmental Bureau – EEB Health and Environment Alliance – HEAL Air Pollution & Climate Secretariat – AirClim Client Earth Transport and Environment – T&E Greenpeace BirdLife Europe World Wild Fund for Nature Europe – WWF The European Public Health Alliance – EPHA The European Respiratory Society – ERS European Federation of Allergy and Airways Diseases Patients Associations – EFA Compassion in World Farming – CIWF EU Federation of Organic Agriculture Movements – IFOAM – EU European COPD Coalition – ECC Change Partnership –  Naturschutzbund Deutschland – NABU, Germany ÒKOBURO, Austria VCÒ – Mobilitàt mit Zukunft, Austria Legambiente, Italy Friends of the Earth Germany – BUND, Germany Ecologistas en Acción, Spain Deutsche Umwelthilfe – DUH, Germany Cittadini per l’aria, Italy Clean Air Action Group, Hungary Clean Air in London, UK Danish Ecological Council, Denmark Milieu Defensie, the Netherlands Finnish Association for Nature Conservation – FANC, Finland Der Deutsche Naturschutzring – DNR, Germany Fundación Alborada, Spain Fédération SEPANSO Aquitaine, France ÀrztInnen fùr eine gesunde Umwelt – AeGU, Austria MOBilisation for the Environment, Netherlands Martorell Viu, Spain Instituto Internacional de Derecho y Medio Ambiente – IIDMA, Spain

ii Nel suo discorso al Consiglio dei Ministri dell’Ambiente del 16 Dicembre 2015, il Commissario Europeo all’Ambiente Velia ha stimato che ogni punto percentuale in meno rispetto al target proposto del 52% comporterà circa 4.000 morti premature in più nel 2030. Il taglio di quattro punti percentuali proposto dal Consiglio si stima possa causare 16.000 morti premature in più nel 2030.

DOCUMENTI ALLEGATI:
LETTERA DI FIAB AL MINISTRO DELL’AMBIENTE
Draft open letter
Air Quality: Legislation briefing & call for action

Facciamo "massa critica".

I soci FIAB sono 20 mila ma se fossero 100, 150 mila, ci sarebbero più possibilità di portare a termine i tanti progetti per chi va in bici, da Bicitalia ad AIDA, da Comuni Ciclabili a CIAB. Diventare socio/a FIAB è utile anche a questo, pensaci.

Articoli correlati