ComuniCiclabili: la rete si allarga. Rappresenta 9,5 milioni di cittadini

ComuniCiclabili: la rete si allarga. Rappresenta 9,5 milioni di cittadini

Nella cerimonia di oggi, giovedì 13 maggio, la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta ha consegnato il riconoscimento di ComuniCiclabili ad altre 40 città, tra cui 8 realtà che ottengono per la prima volta la valutazione di FIAB per quanto riguarda la ciclabilità urbana nel suo complesso. «Se all’inizio l’obiettivo delle amministrazioni era quello di aderire alla rete dei ComuniCiclabili adesso, giunti alla quarta edizione, registriamo con piacere l’impegno di tante realtà nel volersi migliorare – ha dichiarato Alessandro Tursi, presidente FIAB – La pandemia ha sicuramente messo in evidenza la bicicletta nell’agenda del Paese, con un interesse senza precedenti che rende il tema degli spostamenti sostenibili una priorità per tanti sindaci». Con i numeri aggiornati sono 9,5 i milioni di cittadini rappresentati dai ComuniCiclabili (oltre il 15% della popolazione).

Il riconoscimento dei ComuniCiclabili attribuisce alle località e ai loro territori un punteggio da 1 a 5 assegnato sulla base di diversi parametri e viene indicato sulla bandiera gialla con il simbolo dei bike-smile. Quattro le aree di valutazione: “mobilità urbana” (ciclabili urbane/infrastrutture e moderazione traffico e velocità), “governance” (politiche di mobilità urbana e servizi) e “comunicazione & promozione”, mentre non è obbligatorio per la valutazione d’accesso il requisito nell’area “cicloturismo”.

ComuniCiclabili: le new entry

Sono otto le città che entrano a far parte del network di ComuniCiclabili: Chiampo (VI) con 2 bike-smile, Chiavari (GE) con 2 bike-smile, Cupra Marittima (AP) con 2 bike-smile, Gioia del Colle (BA) con 1 bike-smile, Pasiano di Pordenone (PD) con 3 bike-smile, Porto Sant’Elpidio (FM) con 2 bike-smile, Saronno (VA) con 2 bike-smile e Vaglio Basilicata (PZ) con 1 bike-smile. Tra questi va sottolineato l’impegno nel muovere i primi passi per lo sviluppo della mobilità ciclistica del piccolo comune di Vaglio Basilicata, grazie al quale la regione lucana ha fatto il suo ingresso nella rete FIAB-ComuniCiclabili.

In merito ai 32 rinnovi di oggi, ovvero realtà già aderenti a ComuniCiclabili, ci sono 9 capoluoghi di provincia, tra cui Bologna e Firenze (entrambi 3 bike-smile) che hanno colto l’opportunità per fare passi avanti e mettere in campo ulteriori strumenti per lo sviluppo della mobilità ciclabile. Bologna, ad esempio, ha esteso la rete urbana ciclabile di 8 km anche grazie alla realizzazione delle nuove “corsie ciclabili d’emergenza” previste nelle nuove normative del Codice della Strada, ha avviato la sperimentazione di un primo itinerario ciclopedonale cittadino (le cosiddette strade F-bis) e ha investito in comunicazione attraverso la campagna “andràtuttoinbici”.

Per Firenze è stato significativo l’impegno nella manutenzione di alcune ciclabili e nella creazione di nuovi tratti. Cuneo ha predisposto il piano della mobilità post Covid “co-vivere” e conferma i 4 bike-smile anche sulla bandiera  ComuniCiclabili 2012, esattamente come Rimini, dove va segnalato l’avanzamento della pedonalizzazione che coprirà l’intero lungomare. Nota di merito anche per Tortoreto (TE) in Abruzzo, unico  tra i comuni di questa sessione di maggio ad aver ricevuto una promozione nel punteggio, passando da 2 a 3 bike-smile.

Socio/a FIAB? Assicurato.

I soci FIAB hanno la copertura RC Bici, la responsabilità civile per ogni danno che si causa circolando in bicicletta in qualsiasi paese europeo. É uno dei tanti buoni motivi per diventare socio/a FIAB.

Articoli correlati